Photo Credits: Vito Lauciello

 

Corrado Nuccini is an Italian musician and composer, better known for his main project Giardini Di Mirò. He is an eclectic artist which has different side projects: from the collaboration with Emidio Clementi (Massimo Volume) to the project “Cinema Misterioso” with Stefano Pilia (Afterhours).

Four years after Rapsodia Satanica, Giardini di Mirò released a new album. Different Times is out now via 42 Records. It was produced by Giacomo Fiorenza and features Any Other’s Adele Nigro, Robin Proper-Sheppard (Sophia), Glenn Johnson (Piano Magic) and Daniel O’Sullivan. Artwork by Simone Mizzotti. Check the Italian and China dates here.

We had a pleasing talk with him about “Cinema Misterioso”, the relationship with cinema, the concept of experimentation and, of course, the new album of Giardini Di Mirò. Check it after the full streaming of the album (you can find also the interview in Italian language).

I had the pleasure to see the final event of  “Cinema Misterioso” at MAT (Terlizzi, Italy). A complex project which merges cinema (linked to the themes of illusionism and the occult) and music. For that specific occasion, you and Stefano Pilia have also collaborated with other local musicians. How was the project born and developed?

For the past six years I have been curating the workshop “Soundtracks – Musica Da Film” on behalf of the Modena Music Center. Cinema Misterioso (project developed with Stefano Pilia) was born as a spin-off of Sountracks but inside Collateral, an exposition of “Other Sounds”, promoted by Arci Emilia Romagna: it is a work of Addition of Sound about that kind of cinema wich today we would call thriller or horror, open ,without unbending points, either as a musical score or as a live formation. In Terlizzi, we have involved several local bands with the workshop plus live show formula, a total new situation for us too. We usually do these things in three, four months. Here we did everything in two days, we worked a lot, from late morning to late evening. Think that I had also brought the suit …

Your relationship with the cinema seems to be quite strong and is recurring in relation to to your various projects between Addition of Sound and soundtracks. What is the aspect that interests you more about the interaction between cinema and music? And what kind of cinematography attracts you most?

The relationship between music and moving images is, you know, natural but not superficial. It moves something deep and hidden of the human soul. The cinema comes from this exchange which without music would hardly be in this way, at least as we know it. The cinematography that attracts me most is that one which is able to redefine the view. Whoever has this gift ends up in the vocabulary, “Fellinian”, “Tarantinian” and so on. Then if I’m tired, at the end of the day, with my son in my arms, I don’t throw away even Netflix.

Let’s talk about another recent project. The collaboration with Emidio Clementi with whom you released “Quattro Quartetti” in 2016. How was the experience of the tour and how was born the collaboration?

With Mimì, we know each other since 2001 when he featured the video of “Pet Life Saver”, he still had hair on his head and the attitude of a street-urchin. Over the years, I have accompanied him in the presentations of “La ragione della mani” and we have recorded together two albums “Notturno Americano” and “Quattro Quartetti”. Together we composed “Who remembers the Oviz?” , a musical reading introduced in Rome at the Campidoglio for the Literature Festival and it was never recorded. As for me, for the affection and esteem that binds us is one of the most important artistic meetings of my life. Although sometimes (often) it’s a bit of a dickhead.

Contamination seems to be a fundamental part of your concept of music, both in terms of styles and fusion with other arts. This concept is often linked to experimentation. How essential is the experimentation in your way of conceiving art and what meaning do you give to this word?

Doing exactly the same thing makes me feel heavy. I need to compare myself with other worlds, new and complicated situations. Contamination and experimentation, as you say, have many points in common. It is important to underline that experimentation, however, is not going off half-cocked. Experimentation rises from a theoretical journey, from a clear, often radical, not a child of generalist nonconformism thought. The conformists of anti-conformism are monsters.

Let’s talk about Giardini Di Mirò. “Different Times – La Storia dei Giardini di Mirò” is the title of an upcoming book that narrates the story of your band. First of all I wanted to ask you how it feels to be “immortalized” in a book. And moreover, compared to the debut, what has changed for you compared to your music, to the internal mechanisms and to the current music scene situation?

Inside the book there is not my story but the one of my band. Six, seven guys who, thanks to their records, guitars and lots of energy, filled the pages of the book with sonic adventures. Today everything has changed compared to when we started, but it makes sense. Nothing is more boring than conservation. Current music? I don’t know.

The new album has a remarkable artwork. How does this photo tell about your new album and how did the idea of the artwork was born?

The artwork had a complex development, it was not easy to give an image to the album. We have done several experiments that have not been successful. At the end, the photo of Simone Mizzotti gets us all to agree. It speaks of new suburbs, of new worlds with the doubt that the contradictions are always the same.

Collaborations are a constant that characterizes your works. What abut them in this new album?

We follow Robin of the band Sophia since the days of the God Machine but it is from the Sophia album “Infinte Circle” which he has literally enchanted us. Glen Johnson has already taken part in “Dividing Opinion”s, for us it is a point of reference, when we think about certain things, we always think of him. Any Other was recording his record in the same studio where we recorded “Different Times”, come on, a good neighborly gesture! Then I want to remember Mimes of Wine’s Laura Loriga which sang with me “Pity the Nation” and Barbara Cavaleri for the track “Under”. Many guests, an extended family.

You played at AM FEST in Barcelona. How was it like th experience? The Italian tour will start in January. I’m sure you can’t tell us a lot about what we should expect, and that’s why I channel the question to another front. How do you see the “live” situation in Italy from both a musician’s and a “user’s” point of view?

As a user I have very little to say, I’ve been a dad for a few months and I’ve been taken more by diapers than by live shows. Concerning our live I am more prepared. We are working on the best live of the Giardini di Mirò . We’ll make it?
In Barcelona, all great, thanks.

Ritual question. Which records of this year did you like most?

American Utopia by David Byrne, Negative Capability by Marianne Faithfull. A mention also for the “Mandy” soundtrack by Johann Johansonn. We will miss his talent.

**************************************************************************************************

(Italian Language)

Ho avuto il piacere di assistere all’evento finale di  “Cinema Misterioso” al MAT di Terlizzi. Un progetto complesso che unisce cinema (legato ai temi dell’illusionismo e dell’occulto) e la musica. Per quella specifica occasione, tu e Stefano Pilia avete collaborato anche con altri musicisti locali. Come è nato il progetto e come si è sviluppato?

Da sei anni curo per conto del Centro Musica di Modena il workshop “Soundtracks – Musica da film”. Cinema Misterioso (progetto mio e di Stefano Pilia) nasce come spin-off di Soundtracks però all’interno di Collateral, una rassegna di altri suoni promossa da Arci Emilia Romagna: è un lavoro di sonorizzazione sul cinema che oggi chiameremmo thriller o horror, aperto, senza punti fissi, sia come partitura musicale che come formazione live. A Terlizzi abbiamo coinvolto diverse band del territorio con una formula workshop più live, una novità totale anche per noi. Di solito facciamo queste cose in tre, quattro mesi. Qui abbiamo fatto tutto in due giorni, lavorato tantissimo, da mattina a sera tarda. Pensare che mi ero anche portato il costume…

Il tuo rapporto col cinema sembra abbastanza forte ed è ricorrente rispetto ai tuoivari progetti fra sonorizzazioni e colonne sonore. Qual è l’aspetto che ti interessa di più dell’interazione fra cinema e musica? E quale tipo di cinematografia ti attrae maggiormente? 

Il rapporto tra musica ed immagini in movimento, è, come dire, naturale ma non superficiale. Tocca qualcosa del profondo e recondito dell’animo umano.  Il cinema nasce da questo dialogo che senza musica difficilmente sarebbe tale, almeno cosi come lo conosciamo. La cinematografia che più mi attrae è quella capace di ridefinire lo sguardo. Chi ha questo dono finisce nel vocabolario, “felliniano”, “tarantiniano” e via dicendo.  Poi se sono stanco, a fine giornata, con mio figlio in braccio, oh, anche Netflix mica lo butto via.

Passiamo ad un altro progetto recente. La collaborazione con Emidio Clementi con cui hai realizzato nel 2016 “Quattro Quartetti”. Come è stata l’esperienza del tour e come è nata la colaborazione? 

Con Mimì ci conosciamo dal 2001 quando partecipò al video di Pet Life Saver, aveva ancora dei capelli in testa e l’aria da scugnizzo. Nel corso degli anni l’ho accompagnato nelle presentazioni de “La ragione delle mani” ed abbiamo registrato insieme due album “Notturno Americano” e “Quattro Quartetti”. Insieme abbiamo composto “Chi si ricorda degli Oviz?” Una lettura musicata presentata a Roma al Campidoglio in occasione del Festival delle Letterature e mai registrata.  Per quel che mi riguarda, per l’affetto e la stima che ci lega è uno degli incontri artistici più importanti della mia vita. Anche se alle volte (spesso) è un po’ testa di cazzo.

La contaminazione sembra essere una parte fondamentale del tuo concetto di musica, sia per quanto riguarda gli stili che per quanto riguarda la fusione con altre arti. Questo concetto è spesso legato alla sperimentazione. Quanto risulta essenziale e importante la sperimentazione nel tuo modo di concepire l’arte e che significato dai a questa parola?

Fare sempre la stessa cosa mi fa sentire pesante. Ho bisogno di confrontarmi con altri mondi, situazioni nuove, complicate. Contaminazione e sperimentazione, come dici tu, hanno molti punti in comune. E’ importante sottolineare che la sperimentazione però non è fare le cose a cazzo. La sperimentazione nasce da un percorso teorico, da un pensiero chiaro, spesso radicale, non figlio dell’anticonformismo generalista. I conformisti dell’anticonformismo sono mostri.

Arriviamo ai Giardini di Mirò. “Different Times – La storia dei Giardini di Mirò” è il titolo di un libro in uscita che ripercorre la vostra storia. Innanzitutto volevo chiederti come ci si sente ad essere “immortalati” in un libro. E inoltre, rispetto al debutto, cosa è cambiato per voi rispetto alla vostra musica, ai meccanismi interni e rispetto alla situazione discografica attuale? 

Dentro al libro non c’è la mia storia ma quella dei giardini. Sei, sette ragazzi che grazie ai dischi, alle chitarre e a tanta energia hanno riempito di inchiostro le pagine del libro con avventure soniche. Oggi rispetto a quando siamo partiti è cambiato tutto, ma ci sta. Niente è più noioso della conservazione. La musica attuale? Boh.

Il nuovo album ha un Artwork notevole. Come racconta quella foto il vostro nuovo album e come è nata l’idea dell’artwork?

L’artwork ha avuto una gestazione complessa, non è stato facile dare un’immagine al disco. Abbiamo fatto diversi esperimenti che non sono andati a buon fine.  Alla fine la foto di Simone Mizzotti c’ha messo tutti d’accordo. Parla di nuove periferie, di nuovi mondi col dubbio che le contraddizioni poi siano sempre quelle.

Le collaborazioni sono una costante che caratterizza i vostri lavori. Come sono nate le collaborazioni di questo nuovo lavoro?

Robin dei Sophia lo seguiamo dai tempi dei God Machine ma è dal disco “Infinte Circle” dei Sophia che ci ha letteralmente stregati. Glen Johnson ha già preso parte a Dividing Opinions, per noi è un punto di riferimento, quando pensiamo a determinate cose, ci viene sempre in mente lui. Any Other stava registrando il suo disco nel stesso studio dove noi registravamo Different Times, dai, un gesto di buon vicinato! Poi già che ci siamo vorrei ricordare anche Laura Loriga di Mimes of Wine che ha cantato con me Pity the Nation e Barbara Cavaleri in Under. Tanti ospiti, una famiglia allargata.

Avete suonato all’AM FEST a Barcellona. Come è stata l’esperienza di questo festival? A gennaio partirà il tour italiano. Sono sicuro che ci puoi svelare poco su cosa dovremmo aspettarci, e per questo canalizzo la domanda su un altro fronte. Come vedi la situazione “live” nel nostro Paese sia dal punto di vista di musicista che da “fruitore”?  

Come fruitore ho ben poco da dire, sono papà da pochi mesi e sono stato preso più dai pannolini che dai live. Sul nostro live sono più preparato. Stiamo lavorando al miglior live dei giardini di mirò. Ce la faremo?
A Barcellona tutto alla grande, grazie.

Domanda di rito. Quali dischi di questa annata hai apprezzato maggiormente?

American Utopia di David Byrne e Negative Capability di Marianne Faithfull. Una menzione anche per la colonna sonora di Johann Johansonn “Mandy”. Ci mancherà il suo talento.